top of page

Identità e maschere: Il cammino verso la vera scoperta di sé

Quando ti guardi allo specchio, non vedi solo il tuo riflesso, ma anche due aspetti del tuo io: l'uso della maschera e l'autostima. Entrambi sono forze invisibili che ti modellano, influenzano le tue azioni e determinano come percepisci te stesso e il mondo intorno a te.


Diverse maschere teatrali in diverse forme e colori, che esprimono emozioni diverse.

L'uso della maschera è uno strumento che ci permette di reagire in modo appropriato in diverse situazioni. Ci aiuta ad adattarci a diversi contesti sociali e a funzionare nella società. Come un attore sul palcoscenico mondiale che interpreta diversi ruoli, è utile, ma pericoloso quando iniziamo ad identificarci con essa. Questo può portare a una discrepanza tra il nostro vero sé e il ruolo che interpretiamo. È fondamentale ricordare che la maschera ci serve e non definisce la nostra identità.

L'autostima, invece, è come una fonte tranquilla e profonda all'interno di noi. Non ha bisogno di parole ad alta voce o gesti che attirano l'attenzione. Come un oceano silenzioso - profondo e tranquillo in superficie, ma pieno di forza e profondità sotto - l'autostima è indipendente dagli applausi o dal riconoscimento esterno. È una forza interiore che ci sostiene, anche quando nessuno ci guarda.

Considera personalità come Nelson Mandela o Malala Yousafzai. La loro autostima non dipendeva dai loro titoli o dal riconoscimento pubblico. Proveniva dall'interno, da una profonda fede nella loro causa e in se stessi.

Un'eccessiva identificazione con la maschera può portare all'arroganza e alla perdita del vero sé, rendendoti cieco ai bisogni e ai sentimenti degli altri. Ecco perché è importante essere consapevoli di come e quando usiamo la maschera.


Per integrare queste realizzazioni nella tua vita, metti in discussione i tuoi motivi. Stai cercando riconoscimento dagli altri, o stai seguendo la tua bussola interiore? Pratica l'auto-riflessione per riconoscere i tuoi veri motivi e valori.


Costruire un'autostima forte richiede pazienza, auto-compassione e la volontà di sfidare se stessi. Lao Tse, un saggio filosofo, disse: "Chi conosce gli altri è saggio. Chi conosce se stesso è illuminato." Questa autoconsapevolezza è la base della vera autostima.


Il viaggio verso l'autostima genuina è un processo continuo. Richiede coraggio, onestà e la volontà di mettere in discussione se stessi. Alla fine, il regalo più grande che puoi fare a te stesso non è l'applauso della folla, ma la tranquilla certezza di essere forte, anche quando nessuno guarda.

Kommentare


bottom of page